Lettura collodiana 2021

Istituto di studi italiani

Data: 10/11/2021 / 18:30 - 19:30

Campus ovest - Auditorium

L’accesso all’evento è consentito ai partecipanti che presentano un certificato Covid e un documento di identità validi (a partire dai 16 anni). Tali documenti saranno verificati all'ingresso dell'aula.

 

Rossana Dedola

Geppetto e Collodi all’inseguimento di Pinocchio

Quando si mettono all’inseguimento di Pinocchio, Geppetto e Collodi hanno superato l’età della maturità. Che cosa rincorrono? Geppetto ha un sogno poco ambizioso nei confronti del pezzo di legno, vorrebbe farne un burattino per guadagnarsi un tozzo di pane e un bicchiere di vino, non immagina dunque per lui un destino diverso da quello che proprio nell’Italia postunitaria colpiva molti bambini, costretti alla più nera povertà e all’accattonaggio. Collodi si è lasciato alle spalle la traduzione delle fiabe francesi della Corte del Re Sole e il lavoro di composizione dei manuali per la scuola e ora sembra voler illuminare con una nuova luce il mondo dell’infanzia. Ma ha intrapreso anche una nuova avventura di scrittura, usando Pinocchio come penna per andare alla ricerca di se stesso, come scrive Paul Auster ne L’invenzione della solitudine. Le avventure di Pinocchio pongono al centro il problema dell’educazione infantile, mostrando come l’apprendi- mento compiuto da soli non porta ad alcuna vera trasformazione. La traduzione delle fiabe francesi sembra aiutare lo scrittore nella ricerca di una nuova figura di educatore capace di “vedere” il bambino che ha di fronte, di aiutarlo con amorevole fermezza. Riconoscendo il buon cuore di Pinocchio, la fata lo avvia verso quel percorso di redenzione, che segna il controverso finale del libro, in cui la trasformazione riguarda sia il padre che il figlio. Mentre Collodi, grazie alla sua fiaba, si è incamminato verso l’immortalità.